La Brexit, il parlamento e la democrazia diretta

[Articolo apparso su Neos]

Dopo l’Alta Corte di Giustizia, anche la Corte Suprema del Regno Unito ha espresso la necessità che sia il Parlamento a esprimersi favorevolmente alla Brexit. Il voto della scorsa primavera, dunque, non autorizza il governo a invocare l’articolo 50 per l’uscita dall’Unione Europea. Fin qui, nulla di inaspettato: che il referendum fosse solo consultivo era chiaro fin dalla sua convocazione, ma la sentenza della Corte Suprema è importante per chiarire il ruolo del Parlamento nel processo che segnerà l’uscita della Gran Bretagna dalla UE.

Continua a leggere

La laurea e l’utilitaria: perchè la Giannini sbaglia?

Qualche giorno fa, il dieci novembre, il Ministro Giannini ha criticato, a Roma, la tesi secondo la quale le tasse universitarie italiane sarebbero le più alte d’Europa. Lo ha fatto paragonando il costo di un percorso di laurea triennale, in termini di tasse, a quello di un’utilitaria. Al di là dei titoloni e delle polemiche che ne sono conseguite, credo si debba brevemente far luce su che tipo di università e su che ruolo dello Stato nei riguardi dell’istruzione e della ricerca emerga dalle parole del ministro. Continua a leggere

Gli insegnanti ed il ruolo del settore pubblico

Oggi Post Meridiani, un blog redatto interamente da ragazzi ed avente ad oggetto l’attualità politico-culturale del Mezzogiorno, ha pubblicato un mio pezzo sulla vicenda della stabilizzazione dei precari della scuola pubblica delle ultime settimane, in cui faccio delle considerazioni sul ruolo del settore pubblico e su come questo ruolo venga a volte travisato. Ne riporto il testo: Continua a leggere